Monika Rinck per le Scritture Letture Tedesche

 dal 16/05 al 17/05
monika-rinck-per-le-scritture-letture-tedesche

Poetessa, saggista, traduttrice, Monika Rinck (Zweibrücken, 1969) è una delle protagoniste più note

oltre che più dinamiche della scena letteraria di lingua tedesca. Dopo aver studiato Storia, Comparatistica e Scienza delle Religioni a Bochum, Berlino e Yale, ha esordito con le sue performance recitative nella Berlino post-Muro di fine anni ‘90. Densa di riferimenti colti che spaziano dal repertorio antico a quello postmoderno, la sua scrittura muove da un rifiuto della «ideologica cacofonia» attribuita all’era mediatica e globale. Ne deriva la scommessa di un pensare poetico inteso come spregiudicata decostruzione del senso comune e sperimentale riassemblaggio dei nessi fra «concetti», immagini e ritmi.

 

Riattualizzando il dettato dell’avanguardia, Rinck si concentra così, in primo luogo, su un uso enfatico dei pronomi, chiamati in causa come principali vettori del suo discorso: «io» «tu» «noi» «voi». È infatti nel compenetrarsi di «singolare» e «plurale» – evocato ora nelle figure del discorso amoroso, ora nella dimensione collettiva del gruppo – che risiedono ai suoi occhi le premesse per la rifondazione di una comunità di intenti capace di realizzare l’auspicata sintesi di valori estetici e valori politici.

 

 

All’interno della vasta produzione letteraria che precede Alle Türen [Tutte le

porte, 2019] vanno citati almeno i cicli di liriche Verzückte Distanzen [Infatuate

distanze, 2004]; zum fernbleiben der umarmung [Dell’abbraccio mancato, 2007];

Honigprotokolle [Protocolli di miele, 2012], accanto ai saggi Ah, das Love-Ding!

[Ah, la cosa-amore!, 2006] Risiko und Idiotie [Rischio e idiozia, 2015] e al recente

volume antologico Champagner für die Pferde ricco peraltro di prose sin qui

inedite [Champagne per i cavalli, 2019].

Per la sua opera Rinck ha ricevuto numerosi riconoscimenti prestigiosi, fra cui,

ultimi in ordine di tempo, il Premio Peter Huchel (2013), il Premio Kleist (2015)

il Premio Ernst Jandl (2017). Nell’autunno 2018 è stata fra gli artisti ospiti di

Villa Aurora (Los Angeles).


  •  Locandina