Centro di Studi Lifelong Learning

 

In evidenza: visita il portale Lifelong Community 

 

 

Il Centro di Studi Lifelong Learningsi propone di promuovere iniziative istituzionali di livello universitario che valorizzino, facilitino e sostengano l’apprendimento durante tutto il corso della vita offrendo a diplomati e laureati adulti, all’interno della peculiarità scientifica dell’Ateneo, varie opportunità di formazione continua con lo scopo di adeguare le loro conoscenze.

        I radicali processi di cambiamento sociale, lavorativo e culturale che interessano la nostra contemporaneità, determinano nuove necessità e richieste di formazione e apprendimento. Queste si specificano come continue e permanenti per tutto l’arco di vita di discenti di diverse fasce di età e con diverse esperienze culturali e professionali.  E’ questo, in estrema sintesi, il nucleo fondante del LifeLong Learning,  che le Università sono chiamate a fare proprio. Se, infatti, l’Università, come sede primaria e istituzionale dell’alta formazione, ha come mission la didattica e la ricerca, oggi deve assumere  una third mission, quella della Formazione Continua.

Commissione e Parlamento Europei hanno posto da tempo il LifeLong Learning al centro delle priorità programmatiche in materia di educazione e formazione, dando vita, d’altro canto, al LifeLong Learning Programme, mentre l’European University Association ha rimarcato nella Carta redatta nel 2008 l’assoluta centralità del comparto dell’apprendimento permanente per gli Atenei continentali. Ed anche in Italia, il LifeLong Learning è divenuto tema centrale dell’agenda politico-istituzionale.   Già nel 2007, all’interno delle Linee Guida per la progettazione dei nuovi Ordinamenti Didattici per i Corsi di Laurea e Laurea Magistrale, il MIURinvitava le Università aun serio impegno per l’apprendimento permanente, inteso come nuova e specifica missione istituzionale degli atenei. Appare quindi importante citare dal Decreto Indicatori per la programmazione triennale dell’ottobre del 2007 del Ministero dell’Università e della Ricerca l’indicatore utile alla determinazione del Fondo di Finanziamento Ordinario (F.F.O.) così definito:

INDICATORE C.5
Proporzione di Crediti Formativi Universitari acquisiti in apprendimento permanente
Definito come rapporto fra:
Numero di CFU acquisiti in apprendimento permanente
Numero di CFU acquisiti nei corsi di studio
Una indicazione da precisare sì, ma che rappresenta una indubbia innovazione perché segna il carattere istituzionale dell’attività di apprendimento permanente nelle università.
 
Da allora si sono succeduti interventi di sollecitazione allo sviluppo del LifeLong Learning sia da parte dei vari Governi che degli Enti Locali. In questo senso, anche grazie all’azione propulsiva del Centro de “L’Orientale”, la Campania viene oggi riconosciuta come uno straordinario laboratorio di questo settore, e proprio nei giorni scorsi, il 24 marzo 2009, è stato presentato il Piano Regionale di sostegno e finanziamento per i progetti di LifeLong Learning e Educazione degli Adulti da realizzarsi in Campania (con la citazione diretta del Centro LifeLong Learning de “L’Orientale” tra i soggetti destinatari delle risorse stanziabili).
 
L’Università di Napoli “L’Orientale”, con la costituzione del Centro LifeLong Learning, è stata la prima Università italiana, e fino ad oggi l’unica, a raccogliere gli input derivanti  dalla Comunità Europea e dal Ministero dell’Università e della Ricerca. Il Centro Studi Lifelong Learning è così divenuto il punto di riferimento in Italia per la Formazione Continua, e la sua attività viene segnalata come best practice all’interno del rapporto 2008 al Parlamento sulla Formazione Continua elaborato dall’ISFOL per conto del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, presentato lo scorso febbraio. Oggi, il Centro de “L’Orientale”, grazie anche alla sua intensa attività di interrelazione con soggetti pubblici e privati internazionali, nazionali e regionali, si pone, quindi, quale luogo di incontro e raccordo per lo sviluppo progettuale del LongLife Learning in Italia.

Schematicamente l’attività del Centro può essere così riassunta: 

  • Obiettivi :

- Crescita culturale
- Completamento degli studi interrotti
- Riconversione delle lauree deboli
- Miglioramento dello status professionale 

  • Attività di Ricerca :

- Flessibilità e personalizzazione dei percorsi formativi
- Verificabilità dell’ apprendimento già conseguito dagli studenti adulti con lo scopo di certificare competenze acquisite
- Partecipazione dell’Ateneo a Reti e progetti nazionali e internazionali nell’ambito di Programmi per il Lifelong Learning che includano anche l’educazione degli adulti

  • Compiti:

- Offerta di percorsi di apprendimento per adulti
- Riconoscimento dell’apprendimento pregresso
- Orientamento
- Formazione dei formatori
- Assicurazione della qualità