Immagine Ateneo

Discipline storiche

Luciano Camilli
(Roma 1947). Professore Associato di Numismatica Greca e Romana.
I suoi interessi scientifici sono rivolti in particolare a problemi di tipologia monetale romana, alla monetazione greca di età imperiale, alla circolazione della moneta soprattutto in ambito ostiense e dell’Italia meridionale nel periodo tardo-antico; ulteriore campo di ricerca lo studio della produzione laterizia bollata "urbana". Redattore degli Annali dell’Istituto Italiano di Numismatica e della collana di Studi e Materiali dello stesso Istituto è impegnato nell’edizione di collezioni museali e contesti di scavo dell’area centro-italica e dell’odierno Piemonte.


Giuseppe Camodeca
Ordinario di Storia Romana ed Epigrafia Latina presso il Dipartimento di Studi del Mondo Classico della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Napoli L’Orientale dal 1994; ha prima insegnato nelle Università di Salerno (Storia Romana) e di Napoli ‘Federico II’ (Storia amministrativa romana; poi Epigrafia e Papirologia giuridica).
Socio ordinario della Società Nazionale di Scienze, Lettere e Arti in Napoli, sezione di Archeologia; socio corrispondente della Pontificia Accademia Romana di Archeologia; membro dell’Academia Europaea (London).
E’ autore di circa 150 titoli scientifici, fra cui spiccano i volumi dell’edizione (L’archivio puteolano dei Sulpicii, Napoli 1992; Tabulae Pompeianae Sulpiciorum I-II, Quasar ed., Roma, 1999) dell’importante archivio puteolano di tavolette lignee cerate dei Sulpicii, banchieri a Puteoli in età claudio-neroniana, ritrovato nel 1959 in loc. Murecine a Pompei.
Ha ora in avanzata fase di elaborazione un’opera analoga per le numerose tabulae ceratae degli archivi ercolanesi, la cui prima edizione si è dimostrata incompleta e in molti casi inaffidabile, pur se redatta da studiosi del calibro di G. Pugliese Carratelli e V. Arangio-Ruiz; numerosi contributi su questo tema (una quindicina) sono stati già stati pubblicati.
Fra i suoi interessi scientifici si distingue fin dall’inizio un filone di studi teso alla ricostruzione delle vicende storiche, della topografia, della demografia e prosopografia di Puteoli romana, tema cui ha dedicato numerosissimi lavori e sul quale sta preparando un ampio volume monografico. Sta inoltre curando l’edizione dell’immenso patrimonio epigrafico di Puteoli (più di 2000 testi), fondamentale base per qualsiasi ricostruzione storica su questa grande città, porto di Roma.
Nel 1977 ha con altri fondato la rivista Puteoli. Studi di Storia Antica, della quale è stato curatore e capo-redattore fino all’ultimo volume, uscito nel 1991, una rivista che ha lasciato un segno durevole negli studi storico-archeologici dei Campi Flegrei, riconosciuto a livello internazionale.
Oltre che per Puteoli, sta preparando l’edizione dei corpora epigrafici di alcune città romane della Campania nell’ambito della collana dei ‘Supplementa Italica’, editi a cura dell’Unione Accademica Nazionale: in particolare quelli di Allifae, di Nola, di Cumae, di Misenum, di Liternum. Inoltre è incaricato della pubblicazione delle iscrizioni paleocristiane di Nola-Cimitile (oltre 200 pezzi), affidatagli dalla Commissione Nazionale delle Inscriptiones Christianae Italiae (ICI).
Nel 2000 è finalmente apparso dopo anni di preparazione anche il vol. I del Catalogo delle Iscrizioni latine del Museo Nazionale di Napoli (ILMN), pp. 400, edito in collaborazione con il prof. H. Solin dell’Università di Helsinki, dedicato alle iscrizioni di Roma e del Latium (ca. 670), in massima parte appartenenti alle collezioni Borgia e Farnese; esso costituisce il primo di quattro volumi previsti, attualmente in preparazione.
Inoltre si è occupato anche delle vicende delle istituzioni amministrative romane, ricostruite con il fondamentale apporto della documentazione epigrafica, spesso inedita o mal edita (carriere senatorie ed equestri, curatores rei publicae, iuridici per Italiam, consulares e correctores tardoimperiali).
Infine ha dedicato numerosi studi alla ricostruzione dei ceti dirigenti di rango senatorio ed equestre dell’Italia meridionale in età romana, un importante tema di storia sociale e di prosopografia in precedenza sostanzialmente inesistente (è appena apparso un primo volume: I ceti dirigenti d rango senatorio equestre e decurionale della Campania romana, I, Napoli 2007).
Ha partecipato o diretto numerosi progetti di ricerca nazionali (COFIN, CNR) o internazionali (Raphael).

Pubblicazioni (Camodeca)


Luigi Gallo
lgallo@iuo.it
(Salerno 1955). Professore Ordinario di Storia greca.
Allievo della Scuola Normale Superiore di Pisa, si è occupato soprattutto di storia economica e sociale del mondo greco (demografia storica, storia dell’alimentazione e dell’agricoltura, problemi sociali della Grecia arcaica), delle istituzioni politiche e di aspetti della colonizzazione greca in Italia, con particolare riguardo per la Sicilia occidentale. Ha collaborato, tra l’altro, all’opera collettiva I Greci pubblicata dall’editore Einaudi e alla Storia della società italiana (Teti editore). Attualmente è impegnato in una ricerca, cofinanziata dal MURST, sulla presenza greca nel Mar Nero e sui rapporti tra il Mar Nero e Atene.


Luigia Melillo
ginamelillo@libero.it 
Professore Associato confermato di Storia della Medicina e Bioetica interculturale, discipline insegnate anche nella Facoltà di Medicina della Seconda Università di Napoli, con taglio storico-sociale e con particolare riguardo alle culture altre e antiche (v. Compendio di Storia della Medicina e monografia sulla medicina tradizionale cinese). Responsabile di vari progetti nazionali di ricerca con pubblicazioni su tematiche quali l’idroterapia (vedi pubblicazione Aqua Salutaris), la farmacopea (vedi Atti  Storia della Medicina Scienza dell’Uomo, Napoli 2007), la trasmissione del sapere medico, la relazione tra ambiente e salute nella storia della medicina (v. , in particolare, la monografia Ambiente, salute, società) con proiezione sui relativi aspetti pedagogici. Ha presieduto per molti anni l’Istituto Regionale di Ricerca Educativa (IRRE), prima della Basilicata, poi della Campania. Si è occupata nella rete di ricerca Socrates della Commissione Europea ed oggi nell’EuroMed Permanent University Forum di etica della vita e della salute e di sviluppo di cittadinanza attiva nei processi di integrazione nell’area del Mediterraneo. Da molti anni delegata d’Ateneo ai rapporti università-scuola e sistema dell’educazione degli adulti, ha promosso e presiede oggi il Centro Lifelong Learning de "L’Orientale". E’ stata membro del CUN e del CNR ed oggi componente di commissioni del Ministero della Salute, del Ministero dell’Università e Ricerca. E’ membro della consulta scientifica del Centro Interuniversitario di Ricerca Bioetica (CIRB) e del  direttivo della Società Italiana di Storia della Medicina (SISM). E’ direttore del centro campano dell’Accademia Nazionale di Storia dell’Arte Sanitaria.

Pubblicazioni (Melillo)


Giulia Sacco
gsacco@iuo.it
Professore Associato di Epigrafia greca. Il principale ambito di ricerca sono le iscrizioni greche d’Italia. Ha pubblicato il corpus delle iscrizioni di Porto e attualmente sta studiando quelle del Lazio. Altri lavori riguardano iscrizioni di Roma e della Magna Grecia (Paestum, Hipponion). Ha inoltre dedicato alcuni studi agli epigrammi funerari, ad iscrizioni dell’età ellenistica, a problemi di onomastica greca e latina.

Condividi / Share

W3C Abilitazione Scientifica Nazionale Amministrazione Trasparente Codice Comportamento Dipendenti Pubblici Partecipa a TECO! Rete WI-FI e Servizio Proxy Posta Elettronica Certificata Albo ufficiale di Ateneo ECDL - Patente europea per il computer

ACCESSIBILITÀ | PRIVACY | NOTE LEGALI | DATI DI MONITORAGGIO | ELENCO SITI TEMATICI