Presentazione, obiettivi formativi, sbocchi occupazionali

[a.a. 2019-2020 | per altri anni accademici consultare questo link]

 

Il Corso di Laurea in Lingue, letterature e culture dell’Europa e delle Americhe vuole offrire un ventaglio di competenze solide e aggiornate dal punto di vista metodologico e interdisciplinare per favorire una comprensione il più possibile adeguata alle radicali trasformazioni che attraversano il mondo contemporaneo.
Punta innanzi tutto sull’acquisizione di 2 lingue straniere e dei rispettivi patrimoni letterari e culturali per sviluppare una riflessione critica sulla modernità e sulle relazioni sempre più complesse tra luoghi, popoli e culture, fornendo adeguati strumenti metodologici e promuovendo il dialogo con le materie filosofiche, artistiche o teatrali.
Il Corso di laurea in Lingue, letterature e culture dell’Europa e delle Americhe è di durata triennale e appartiene alla Classe di Laurea L-11 Lingue e culture modernePer conseguire la laurea lo studente deve aver acquisito 180 CFU.

Il Corso di Laurea è articolato in 2 curricula:
1. Lingue, letterature e culture europee
2. Studi americani

 

Obiettivi formativi qualificanti della classe L-11

Il percorso formativo punta innanzitutto all’acquisizione di una solida competenza orale e scritta di due lingue straniere e alla padronanza del patrimonio letterario e culturale delle rispettive civiltà. Nel primo curriculum si studiano due lingue dell’Europa occidentale (a scelta tra inglese, spagnolo, francese, tedesco, svedese, olandese, portoghese), nel secondo curriculum a una lingua europea se ne affianca una del continente americano (a scelta tra anglo-americano e ispano-americano) con approfondimenti areali.
Il corso offre una buona formazione di base (la piena padronanza della lingua e della letteratura italiana; la conoscenza dei fondamenti della linguistica generale e di almeno una filologia d’area, germanica o romanza; e una riflessione critica sulla modernità), favorendo inoltre i rapporti interdisciplinari con la dimensione geografica o antropologica, e con le discipline filosofiche, artistiche o teatrali.
Tali competenze sono spendibili negli ambiti della comunicazione e dei servizi, del turismo culturale, dell’editoria e della traduzione in campo umanistico, dell’interculturalismo e dell’internazionalizzazione. 
Il corso ha naturalmente una forte vocazione internazionale e promuove sia la mobilità studentesca (soprattutto attraverso il programma LPP/Erasmus) che l’accompagnamento al mondo del lavoro.

Sbocchi occupazionali:

funzione in un contesto di lavoro:
Figura professionale con capacità di comunicazione efficace ed appropriata in contesti linguistici e culturali di enti pubblici e privati, istituzioni scolastiche, editoria, associazioni culturali, aziende nazionali ed internazionali.

competenze associate alla funzione:
conoscenza di almeno due lingue e letterature europee (diffuse in Europa o in America) nonché conoscenza metodologica di filologia, linguistica e critica letteraria per svolgere attività professionali in qualità di insegnanti di L2 in contesti di multilinguismo e interculturalità, redattori e traduttori di testi specialistici, assistenti linguistici in conferenze scientifiche o in enti pubblici o privati nazionali ed internazionali.

sbocchi occupazionali:

  • operatori linguistici in istituzioni culturali e nelle ambasciate e nei consolati
  • traduttori e redattori di testi di ambito umanistico
  • operatori linguistici nell’industria e nel terziario culturale (editoria, giornalismo, televisione e radio, associazioni culturali e letterarie, ambito artistico e spettacolo)
  • organizzatori di eventi culturali, convegni e manifestazioni
  • operatori linguistici in ambito multiculturale di enti pubblici (tribunali, istituti di detenzione, centri di accoglienza)
  • assistenti linguistici in imprese pubbliche e private
  • operatori nello sviluppo, nella educazione linguistica e nella comunicazione in ambito multietnico e multiculturale.