Archeologia (Rapporti tra Oriente e Occidente)

Coordinatore: Prof. Irene Bragantini (Archeologia e storia dell’arte romana - Archeologia delle province romane - "L’Orientale")

Sede amministrativa: Dipartimento di Studi Asia Africa Mediterraneo ("L’Orientale")
Durata del Dottorato: 3 anni
Numero posti a disposizione: 4
Numero Borse di studio: 2

Collegio dei Docenti:

Prof. Giuseppe Camodeca (Epigrafia latina – Storia romana - "L’Orientale")
Prof. Emanuele Greco (Archeologia della Magna Grecia - "L’Orientale")
Prof. Giulia Sacco (Epigrafia e antichità greche - "L’Orientale")
Prof. Bruno Genito (Archeologia e storia dell’arte del Vicino Oriente antico -Archeologia e Storia dell’arte iranica - "L’Orientale")
Prof. Anna Maria D’Onofrio (Archeologia e Storia dell’arte greca - Storia dell’Archeologia - "L’Orientale")
Prof. Fabrizio Pesando (Archeologia della Magna Grecia - Antichità pompeiane e ercolanesi – Topografia antica - "L’Orientale")
Prof. Maria Vittoria Fontana (Archeologia e storia dell’arte musulmana - "La Sapienza" - Roma)
Dott. Matteo D’Acunto (Archeologia di Creta e delle Cicladi- Archeologia e storia dell’arte greca – "L’Orientale")
Dott. Anna Filigenzi (Archeologia e storia dell’arte dell’Asia centrale – Archeologia e storia dell’arte dell’India- "L’Orientale")
Dott. Roberta Giunta (Archeologia e storia dell’arte musulmana - Epigrafia islamica - "L’Orientale")
Dott. Rosanna Pirelli (Egittologia - "L’Orientale")
Dott. Chiara Visconti (Archeologia del Buddismo-Archeologia e storia dell’arte cinese - "L’Orientale")

Il Dottorato si articola in quattro opzioni:

1) Preistoria e protostoria mediterranea e asiatica (Origine delle società complesse e della organizzazione statale dal Mediterraneo ai paesi asiatici)
2) Oriente e Occidente nel primo millennio a.C., fino all’età romana e agli Han (Forme dello scambio e trasmissione delle ideologie; iconografia, iconologia e strutture mentali)
3) Il Mediterraneo antico e l’Africa (Le componenti della cultura, delle società e della economia )
4) Archeologia e storia dell’arte tardoantica, medievale e islamica (Monumenti e cultura materiale)

Il dottorato mira ad integrare in un’unica visione il mondo antico dal Mediterraneo all’Asia e all’Africa e a focalizzare gli studi sulle relazioni tra le varie componenti di questo vasto orizzonte geografico e culturale, oltre che sulle aree di contatto e di scambio, spesso trascurate nei dottorati archeologici di taglio tradizionale.
L’approfondimento di questo innovativo indirizzo di ricerca mira specificatamente a formare un profilo di archeologo più duttile, più aperto a nuove sperimentazioni, in definitiva più funzionale ad un mercato del lavoro che si avvia ad essere sempre più frequentemente indirizzato verso esperienze sopranazionali.
La sede de "L’Orientale" si dimostra idonea allo svolgimento del programma formativo previsto, potendo contare sia sulla particolare composizione del corpo docente che sulla esistenza di un Centro Interdipartimentale di Servizio per l’Archeologia, fornito di attrezzature idonee a soddisfare le esigenze più avanzate di applicazioni tecniche alla ricerca archeologica. I dottorandi possono inoltre accedere alle attrezzature tecniche presenti nel Dipartimento e consultare liberamente i volumi della biblioteca.
Estremamente positive, per la possibilità di esperienze variate offerte ai dottorandi, si rivelano anche le numerose attività di scavo gestite da "L’Orientale" nonché i numerosi accordi per dottorati in co-tutela istituiti con Università straniere.