Piano Strategico

Alla luce della ricognizione complessiva condotta per l’elaborazione del Piano strategico (vedi documento al seguente LINK), il Dipartimento in Studi Letterari, Linguistici e Comparati mira a consolidare la sua spiccata vocazione multiculturale, inclusiva e interdisciplinare, radicata nella straordinaria ricchezza della sua area linguistica e culturale di interesse (l’intero continente europeo e quello americano), e sostenuta dall’ampiezza, dalla solidità e dal continuo aggiornamento delle teorie e delle metodologie messe in campo. Di pari rilevanza appare l’investimento del Dipartimento nella formazione dei giovani, nell’accesso aperto e nell’internazionalizzazione, nonché il suo rinnovato impegno a favorire i rapporti con il territorio nella promozione della cultura e della creatività ? distintiva delle sue aree di competenza ? come fattore di inclusione sociale, di innovazione economica e di autoconsapevolezza critica.

Attraverso il piano di sviluppo strategico della ricerca 2019-2021 mira a:

  • consolidare e sostenere una ricerca altamente qualificata, pluridisciplinare e comparata sul vasto e variegato patrimonio linguistico, letterario e performativo di sua competenza
  • promuovere il dialogo interculturale, l’integrazione sociale e la mobilità internazionale valorizzando la ricchezza creativa e relazionale della diversità culturale in uno scenario globale sempre più complesso.

Dalla visione inclusiva e multiculturale del Dipartimento discendono gli obiettivi primari di lungo termine che riguardano:

  • la qualità e la quantità della ricerca del Dipartimento (1. Prodotti della ricerca)
  • la sua competitività (2. Fundraising)
  • la sua visibilità a livello nazionale e internazionale (3. Internazionalizzazione)
  • il potenziamento dei relativi servizi di supporto (4. Dotazione Infrastrutture)

Gli obiettivi specifici del piano riguardano:

  • le aggregazioni multi-disciplinari attraverso l’elaborazione di progetti di interesse strategico e meccanismi di premialità nell’assegnazione di fondi per la ricerca di ateneo
  • la formazione e la ricerca dei giovani
  • le iniziative di Fundraising, che puntano ad una maggiore integrazione tra ricerca e terza missione
  • le ricerche congiunte con altre università e centri di ricerca
  • l’internazionalizzazione della ricerca attraverso il potenziamento dell’attrattività del dottorato e l’accesso aperto dei prodotti di ricerca
  • la visibilità dei prodotti di eccellenza (come ad esempio le riviste dipartimentali tutte attualmente classificate in fascia A).
  • Il miglioramento della dotazione delle infrastrutture attraverso la visibilità delle procedure di formalizzazione della politica AQ del Dipartimento e un migliore supporto amministrativo alla mobilità in entrata e in uscita.