in evidenza

Biblioteca "Maurizio Tosi" Samarkand, Uzbekistan

Pubblicato il 07/05/2020

Il Dipartimento Asia Africa Mediterraneo dell’Università di Napoli "L’Orientale” (DAAM), Il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna (DISCI) – in collaborazione con l’ISMEO - Associazione Internazionale per lo Studio del Mediterraneo e l’Oriente e il Centro Nazionale per l’Archeologia dell’Accademia delle Scienze dell’Uzbekistan - è lieto di annunciare che è adesso disponibile la catalogazione online della Biblioteca «Maurizio Tosi» a Samarcanda. Una prima versione del catalogo è scaricabile secondo indici per Autore, Titolo e Numero di Inventario (link al PDF allegato). I volumi a Samarcanda sono invece consultabili secondo gli orari e le modalità della Biblioteca Centrale del Centro Nazionale per l’Archeologia.

Archeologo di fama mondiale scomparso nel 2017, Maurizio Tosi è stato Direttore della Missione Archeologica dell’Università di Bologna a Samarcanda dal 2001 al 2014, nonché Docente di Paletnologia presso il nostro Ateneo e Direttore del Dipartimento di Archeologia tra 2007 e 2010. Fin dalle prime campagne in Uzbekistan, Tosi ritenne di fondamentale importanza, per lo sviluppo degli studi archeologici sulla città e il territorio, l’acquisizione di volumi a carattere scientifico di difficile reperimento al di fuori dell’ex-Unione Sovietica.

La Biblioteca «Maurizio Tosi» contiene oggi circa 1500 volumi di interesse archeologico, la maggior parte dei quali in lingua russa. Vi sono, inoltre, opere di storia, arte, architettura, botanica, economia e molte altre discipline che testimoniano l’approccio multi ed inter-disciplinare che Tosi ha sempre dato alle sue ricerche. La Biblioteca «Maurizio Tosi» si pone, quindi, come una fonte di ispirazione per le diverse generazioni di studiosi, locali ed internazionali, che frequentano e frequenteranno il Centro Nazionale per l’Archeologia a Samarcanda.

La cerimonia inaugurale si è tenuta lo scorso 27 maggio 2019 presso il Centro Nazionale per l’Archeologia sotto l’egida del Dott. Muminkhon Saidov, Vice-Direttore del Centro, e ha visto la partecipazione di S.E. Andrea Bertozzi, Ambasciatore d’Italia in Uzbekistan, del Prof. Adriano Rossi, Presidente dell’Associazione ISMEO, del Prof. Rustam Kholmuradov, Rettore della Samarkand State University, del Prof. Rustam Suleymanov, Archeologo Emerito dell’Accademia delle Scienze dell’Uzbekistan, del Prof. Bruno Genito, Direttore della Missione in Uzbekistan dell’Università di Napoli “L’Orientale”, del Dott. Amriddin Berdimuradov, Co-Direttore della Missione Italo-Uzbeka dell’Università di Bologna, del Prof. Antonio Curci e del Dott. Simone Mantellini, rispettivamente Direttore e Vice-Direttore della Missione Archeologica Italo-Uzbeka dell’Università di Bologna.

Il giorno stesso della cerimonia, l’ISMEO e l’International Institute for Central Asian Studies – IICAS dell’UNESCO hanno donato alla Biblioteca «Maurizio Tosi» numerosi volumi pubblicati nell’ambito delle loro serie ed iniziative culturali. Al termine degli interventi è stato posto il primo timbro della Biblioteca «Maurizio Tosi» sul libro di Boris V. Andrianov Drevnie orositelnye sistemy priaraly che, per iniziativa dello stesso Tosi, è stato tradotto in inglese nel 2016 (ed. S. Mantellini).
Un obiettivo a lungo termine è quello della digitalizzazione completa di questo raro e prezioso patrimonio librario.